Passa ai contenuti principali

Giornata internazionale per l'eliminazione totale delle armi nucleari




 

Il 26 settembre è una data quanto mai significativa nel panorama internazionale, poiché viene celebrata la Giornata internazionale per l'eliminazione totale delle armi nucleari, istituita nel dicembre del 2013 dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite al fine di sensibilizzare l'opinione pubblica circa la pericolosità di questi strumenti di morte e così incentivare il loro smantellamento. 

Ma perché sono state create le armi nucleari? Come sono classificate e come agiscono gli Stati per assicurare un futuro che sia libero dalla loro ombra terrificante?

Questi sono solo alcuni degli interrogativi che potrebbero essere avanzati in merito a un argomento davvero molto vasto e su cui la stampa internazionale e specialistica ha a lungo dibattuto. Se dovessi, da un punto di vista soggettivo, esporre le ragioni che hanno indotto alla creazione del Mostro nucleare, che tutto sottomette e tutto divora, allora potrei rispondervi che volenti o nolenti si trattava di una tappa inevitabile nella nostra storia. Allo stesso modo in cui inevitabile è stata l'estinzione dei dinosauri e la comparsa del genere umano così la comparsa di questi ordigni non poteva essere impedita, poiché progenie di un progresso che investe e travolge il vivere sociale senza attendere il permesso. Un progresso non suscettibile di alcuna categorizzazione morale in giusto o sbagliato, buono o cattivo. Un fiume che scorre impetuoso in una certa direzione semplicemente perché quella è la sua natura, così è stato concepito e così vuole svilupparsi. L'uomo, innanzi a entità di siffatta natura, non può far altro che mitigare e gestire gli effetti che da esso discendono. Alcuni potrebbero obiettare, ragionevolmente, che tutto avrebbe potuto evitarsi se, ad esempio, non fosse stato avviato il Progetto Manhattan con cui si arrivò alla creazione delle prime testate nucleari. Tuttavia, volendo proseguire su questa scia, si aprirebbe un circolo vizioso fatto di se e di ma, che si tradurrebbe in una mera speculazione teorica.

Andando a rispondere al secondo quesito, le testate nucleari sono suscettibili di una distinzione in base alla potenza sprigionata, misurata in kilotoni e in megatoni, e agli effetti provocati:

  • la bomba atomica o bomba A sfrutta una reazione di fissione di uranio o plutonio, gode di una potenza che può variare da 0,5 kilotoni a 1,5 megatoni e possiede una soglia critica di 10 megatoni.
  • la bomba all'idrogeno o bomba H è il tipo di ordigno più potente e riesce a sprigionare un potenza pari a 100 megatoni. Sfrutta la fusione tra nuclei di deuterio e trizio.
  • la bomba al neutrone o bomba N è simile alla bomba H ma, rispetto a quest'ultima, sprigiona gran parte della sua potenza in radiazioni.
  • la bomba al cobalto o bomba G è un tipo di bomba H in cui i neutroni prodotti dalla fusione termonucleare si uniscono al cobalto, forte emettitore di raggi gamma.
  • le armi radiologiche, dette anche bombe sporche, sono ordigni la cui carica esplosiva ha una potenza inferiore rispetto a una normale bomba atomica. Viene utilizzata per disperdere materiale radioattivo che possa contaminare le aree circostanti l'esplosione.
Occorre anche precisare che le bombe H godono di una potenza superiore alle bombe atomiche a causa del fatto che sfruttano un processo di fusione che, effettivamente, sprigiona una quantità di energia decisamente superiore rispetto alla normale fissione nucleare. 
Come è evidente dunque, nel corso del tempo sono stati realizzati ordigni nucleari con potenze variabili a seconda degli scopi per cui vengono adoperati. Occorre anche segnalare però che attualmente gli Stati della Comunità internazionale, tralasciando alcune eccezioni, hanno una posizione molto scettica circa l'utilizzo di suddetti dispositivi. Crescono dunque le iniziative, soprattutto dell'ONU, per ottenere, in un futuro non molto lontano dal presente, il disarmo universale e creare una società in cui si possa davvero comprendere e respirare l'essenza della pace e della speranza.

Spero che la mia trattazione risulti soddisfacente e chiara, e qualora voleste un approfondimento maggiormente dettagliato sull'argomento non esitate a contattarmi.
Vi auguro una buona giornata e un buon weekend, a presto!

Commenti

Post popolari in questo blog

Un passo in avanti!

Quasi come un fulmine a ciel sereno, da alcune testate giornalistiche di grande notorietà, è giunta la notizia che un grande cambiamento sta per avvenire e potrebbe rappresentare la serratura necessaria per sigillare una porta rimasta aperta troppo a lungo.  Siamo in Germania e l'attuale cancelliera Angela Merkel si dimostra propensa a modificare il testo  della Grundgesetz al fine di eliminare il termine razza dal disposto dell' articolo 3 , indirizzato al rispetto del principio di uguaglianza davanti alla legge. La proposta già in passato era stata avanzata dai Verdi ottenendo però un rifiuto da parte del governo federale, che ora però sembra aver deciso in senso contrario rispetto alle sue precedenti opinioni. Una scelta che si pone immediatamente quale spartiacque tra un passato ormai da dimenticare e un nuovo divenire che aspetta solo di essere afferrato.  Le ragioni dietro a questo cambio di direzione, oltre ad avere radici profonde nel contesto socio-culturale contempora

Uno sfogo necessario

  Buonasera cari lettori, nonostante avessi affermato che sareste stati voi a decidere l'argomento del prossimo articolo, il verificarsi di evento funesto ha sconvolto tutti i miei piani e non ho potuto fare a meno di parlarvene e condividere con voi il mio dolore. Come emerge palese dall'immagine che apre questo articolo, l'evento a cui ho accennato si è tradotto in un crimine brutale, le cui dinamiche hanno sconvolto non poco la mia mente e il mio animo. Nel comune di Vigone, in Piemonte, è stata rinvenuta la carcassa di cane meticcio il cui corpo presentava i segni della fame e del maltrattamento. Ma non è tutto. Secondo la ricostruzione delle autorità locali l'animale è stato legato all'albero e poi abbattuto con i proiettili di un'arma da fuoco non ben specificata e infine il corpo è stato lanciato tra i cespugli. I motivi che hanno spinto il colpevole sono ancora ignoti e le indagini sono in corso di svolgimento, ma per quanto mi riguarda non esiste motiva

L'epidemia dell'anima

  Accadeva il 28 Agosto 1963 al Lincoln Memorial di Washington, una data entrata nel cuore e nelle menti degli americani prima e del mondo poi. Il clima che si respirava era quello della rivolta non violenta, della protezione e del riconoscimento di un valore inalienabile, un principio ineliminabile del tessuto sociale che si era così venuto sviluppandosi a partire dal grido di coloro che combatterono nell'Ottantanove settecentesco versando sangue e anima. Un sacrificio che volle farsi insegnamento per coloro che vennero dopo: l'eguaglianza è il pilastro essenziale del vivere sociale. Fu su questa scia che, nel giorno poc'anzi menzionato, un uomo, un eroe sarebbe più corretto affermare, si fece avanti tra le fila del popolo e disse: Quando gli architetti della repubblica scrissero le sublimi parole della Costituzione e la Dichiarazione d'Indipendenza, firmarono un "pagherò" del quale ogni americano sarebbe diventato erede. Questo "pagherò" permetteva