Passa ai contenuti principali

Modern Warfare

 



Il 29 ottobre 2003 fu una data che per molti, me compreso, rappresentò l'inizio di una delle saghe videoludiche più avvincenti e importanti di questo secolo. Il protagonista di questo articolo non necessita di alcuna presentazione, è un videogioco che abbiamo imparato ad amare e ad odiare in alcune circostanze. La saga sta per aggiungere un altro capitolo, quest'anno sviluppato da Treyarch, alla sua vasta famiglia e proprio in questo weekend è stata resa disponibile la versione prototipale del multigiocatore, per darci un assaggio di quello che ci attenderà a partire dal 13 novembre.

Per chi ha giocato anche agli altri titoli della saga è palese il fatto che la serie abbia conosciuto, nel corso del tempo, degli alti ma anche dei bassi. Alcuni capitoli non hanno riscosso il successo auspicato, complice un comparto di gioco a volte abbozzato e perciò non apprezzato dai videogiocatori. Ma non intendo perdermi in una disamina su quali siano i capitoli migliori e quelli peggiori, detto ciò questo lunga vita a Black Ops 2

Ma dopo questo piccolo eccesso personale, di cui mi scuso, torniamo al fulcro della trattazione, la quale ruota attorno soprattutto al penultimo capitolo del franchise: Call of Duty Modern Warfare. Un videogioco che dal punto di vista grafico lascia a bocca aperta e presenta alcune dinamiche che personalmente apprezzo molto, prime fra tutte la fluidità e la frenesia del gameplay. Tuttavia, non è tutto oro quello che luccica. 

Partiamo da un presupposto quanto mai significativo: questo gioco è complesso, soprattutto se sai giocare bene. Potrebbe sembrare un ossimoro, dato che comunque i giocatori più esperti hanno più frecce al loro arco rispetto ai neofiti e possono meglio gestire le situazioni più concitate, ma in questo caso non esiste affermazione più veritiera e il motivo di questa condizione risiede in una feature che hanno recentemente introdotto: lo skill-based matchmaking. Per dirla in parole povere, il gioco ti introdurrà in partite solo con giocatori che hanno le tue stesse skill e dunque presentano un modo di giocare quasi analogo, se non identico, al tuo. Una caratteristica che rende le partite anche alquanto noiose per certi aspetti, ma questa è solo una mia sensazione e non voglio che suoni come una sorta di regola universale valida in tutti i casi. Altro dettaglio che non mi ha fatto impazzire è stata la resa cromatica del gioco. Per molti magari sarà un aspetto secondario, ma io prediligo i colori accesi poiché mi rendono il gameplay molto più godibile e conseguentemente più divertente. Detto questo il gioco non è assolutamente da scartare, anzi è forse uno dei capitoli più riusciti in generale e a livello grafico è davvero sensazionale. La mia speranza è che con il tempo cerchino di migliorare l'esperienza di gioco, per renderla meno ostica e più divertente. E giocando alla versione di prova del nuovo capitolo penso che il mio desiderio sarà realizzato.

Il nostro discorso si conclude qui e spero che abbiate apprezzato quello che alla fine è stato un mio sfogo personale su un gioco che ho amato e odiato allo stesso tempo e che poteva essere qualcosa di ancora più grande. Ma non mi abbatto, confido in Treyarch e nella saga di Black Ops e so che non mi deluderanno. Lasciate un commento in cui mi dite cosa pensate di questo Modern Warfare e se il gioco vi è piaciuto oppure no.

Vi auguro una buona giornata e ci vediamo presto con un nuovo articolo.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Un passo in avanti!

Quasi come un fulmine a ciel sereno, da alcune testate giornalistiche di grande notorietà, è giunta la notizia che un grande cambiamento sta per avvenire e potrebbe rappresentare la serratura necessaria per sigillare una porta rimasta aperta troppo a lungo.  Siamo in Germania e l'attuale cancelliera Angela Merkel si dimostra propensa a modificare il testo  della Grundgesetz al fine di eliminare il termine razza dal disposto dell' articolo 3 , indirizzato al rispetto del principio di uguaglianza davanti alla legge. La proposta già in passato era stata avanzata dai Verdi ottenendo però un rifiuto da parte del governo federale, che ora però sembra aver deciso in senso contrario rispetto alle sue precedenti opinioni. Una scelta che si pone immediatamente quale spartiacque tra un passato ormai da dimenticare e un nuovo divenire che aspetta solo di essere afferrato.  Le ragioni dietro a questo cambio di direzione, oltre ad avere radici profonde nel contesto socio-culturale contempora

Uno sfogo necessario

  Buonasera cari lettori, nonostante avessi affermato che sareste stati voi a decidere l'argomento del prossimo articolo, il verificarsi di evento funesto ha sconvolto tutti i miei piani e non ho potuto fare a meno di parlarvene e condividere con voi il mio dolore. Come emerge palese dall'immagine che apre questo articolo, l'evento a cui ho accennato si è tradotto in un crimine brutale, le cui dinamiche hanno sconvolto non poco la mia mente e il mio animo. Nel comune di Vigone, in Piemonte, è stata rinvenuta la carcassa di cane meticcio il cui corpo presentava i segni della fame e del maltrattamento. Ma non è tutto. Secondo la ricostruzione delle autorità locali l'animale è stato legato all'albero e poi abbattuto con i proiettili di un'arma da fuoco non ben specificata e infine il corpo è stato lanciato tra i cespugli. I motivi che hanno spinto il colpevole sono ancora ignoti e le indagini sono in corso di svolgimento, ma per quanto mi riguarda non esiste motiva

L'epidemia dell'anima

  Accadeva il 28 Agosto 1963 al Lincoln Memorial di Washington, una data entrata nel cuore e nelle menti degli americani prima e del mondo poi. Il clima che si respirava era quello della rivolta non violenta, della protezione e del riconoscimento di un valore inalienabile, un principio ineliminabile del tessuto sociale che si era così venuto sviluppandosi a partire dal grido di coloro che combatterono nell'Ottantanove settecentesco versando sangue e anima. Un sacrificio che volle farsi insegnamento per coloro che vennero dopo: l'eguaglianza è il pilastro essenziale del vivere sociale. Fu su questa scia che, nel giorno poc'anzi menzionato, un uomo, un eroe sarebbe più corretto affermare, si fece avanti tra le fila del popolo e disse: Quando gli architetti della repubblica scrissero le sublimi parole della Costituzione e la Dichiarazione d'Indipendenza, firmarono un "pagherò" del quale ogni americano sarebbe diventato erede. Questo "pagherò" permetteva